CORONAVIRUS NUOVO DPCM del 26-04-2020

  • Stampa

MISURE IN VIGORE DAL 4 AL 17 MAGGIO 2020

E’ un elenco (non completo) delle principali misure inerenti la cosiddetta FASE 2.
Le misure governative andranno meglio chiarite poi con le FAQ (le domande e le risposte più frequenti) e coordinate con le decisioni regionali che saranno prese nelle prossime ore. (esempio: io lavoro e i bambini dove li porto? Posso circolare in Regione ma come? Ecc….)
- Sono consentiti solo gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute e si considerano necessari gli spostamenti per incontrare congiunti purché vengano rispettate le norme igienico-sanitarie (no assembramento, distanziamento, DPI). Continuerà a servire l'autocertificazione.
- E’ vietato spostarsi in una Regione diversa salvo che per comprovate esigenze lavorative, di urgenza, di salute sempre con autocertificazione.
- In ogni caso è consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.
- I soggetti con sintomatologia da infezione respiratoria e febbre (maggiore di 37.5°) devono rimanere presso il proprio domicilio.
- E’ fatto divieto assoluto spostarsi dalla propria abitazione per i positivi o chi è in quarantena.
- E’ vietata ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici e privati.
- L’accesso del pubblico ai parchi, ville o giardini pubblici è condizionato al rigoroso rispetto delle distanze e obblighi dei DPI.
- Il sindaco può disporre la temporanea chiusura di specifiche aree in cui non sia possibile assicurare il rispetto di quanto previsto.
- Le aree attrezzate per il gioco dei bambini sono chiuse.
- E’ consentito svolgere individualmente attività sportiva o motoria nel rispetto delle distanze (2 metri per l'attività sportiva, 1 metro per le altre attività). Un adulto potrà fare attività sportiva accompagnando un minore.
- Sono sospesi eventi e competizioni sportive di ogni ordine e disciplina.
- Sono sospese le manifestazioni organizzate, gli eventi e gli spettacoli di qualsiasi natura con la presenza di pubblico sia pubbliche che PRIVATE (anche nelle abitazioni private).
- Sono sospese le sale giochi, sale scommesse e sale bingo.
- Sono sospese le cerimonie civili e religiose; sono consentite le cerimonie funebri, preferibilmente all’aperto, con l’esclusiva partecipazione di congiunti fino ad un massimo di 15 persone.
- Restano sospesi i servizi di apertura al pubblico quali i musei e luoghi di cultura.
- Restano chiuse tutte le scuole e università (continua l’attività formativa a distanza).
- Restano sospese tutte le procedure concorsuali e varie attività come nel precedente DPCM.
- Rimangono sospese le attività di palestre, centri sportivi, centri benessere, piscine e similari.
- Restano sospesi gli esami di idoneità presso la motorizzazione civile.
- Restano sospese le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per alimentari e di prima necessità individuate NELL’ALLEGATO 1.
- I mercati restano chiusi salvo per i prodotti alimentari seguendo le disposizioni delle Regioni.
- Restano sospese le attività inerenti servizi alla persona. Parrucchieri, barbieri, estetisti diverse da quelle indicate NELL’ALLEGATO 2.
- Per quanto non citato si conferma quanto previsto nel precedente decreto facilitando il lavoro agile.

QUALI ATTIVITA' POSSONO APRIRE
- Aperte edicole, tabaccai, farmacie e parafarmacie.
- Sono sospese le attività dei servizi di ristorazione. Resta consentita la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l'attività di confenzionamento che di trasporto, nonché la ristorazione con asporto fermo restando gli obblighi di distante e protezione.
- Gli esercizi commerciali che possono restare aperti devono assicurare, oltre alla distanza interpersonale di un metro, che gli ingressi avvengano in modo dilazionato e che venga impedito di sostare all'interno dei locali più del tempo necessario all'acquisto dei beni. Si raccomanda l'applicazione delle misure adottate fino ad oggi (igienizzazione, guanti, mascherine...).
- Si riparte con il comparto manifatturiero, edilizia e cantieri, commercio all'ingrosso funzionale a queste filiere (già nei prossimi giorni sarà possibile aprire per predisporre le aziende al rispetto dei protocolli di sicurezza); il cui codice ATECO rientra negli allegati del DPCM.
- gli allegati con gli elenchi esaustivi, contengono nei numeri 1, 2 e 3 le attività/negozi che possono rimanere aperte, le norme igienico sanitarie da seguire e il protocollo di Sicurezza per le aziende.
- Si raccomanda, fino alla data del 4 maggio, di continuare a rispettare rigorosamente le prescrizioni a cui ci siamo abituati fino ad oggi.

Ne usciremo, insieme.